Cerca
Close this search box.
Logo TC
Cerca
Close this search box.

10 cose da sapere sulla disortografia

La disortografia è un disturbo dell’apprendimento che può presentare diverse sfide, ma anche aspetti affascinanti che meritano di essere esplorati. Conoscere meglio questa condizione può aiutare a comprenderla e affrontarla più efficacemente. Ecco dieci curiosità sulla disortografia che potrebbero sorprenderti e offrirti una nuova prospettiva su questo disturbo specifico della scrittura.

1. Ereditarietà: La disortografia può avere una componente genetica, con una predisposizione familiare.

2. Non legata all’intelligenza: La disortografia non è un indicatore di bassa intelligenza; molti individui con questo disturbo hanno intelligenza normale o superiore alla media.

3. Prevalenza: Si stima che circa il 5-10% della popolazione scolastica presenti disortografia.

4. Differenze cerebrali: Studi di neuroimaging hanno mostrato differenze nelle aree cerebrali coinvolte nel processamento linguistico nei disortografici.

5. Non solo errori ortografici: La disortografia può includere difficoltà con la grammatica e la struttura delle frasi, non solo con l’ortografia delle parole.

6. Comorbidità: Spesso la disortografia coesiste con altri disturbi dell’apprendimento come dislessia e disgrafia.

7. Strategie di copingMolti adulti con disortografia sviluppano strategie efficaci per compensare le loro difficoltà.

8. Importanza del contesto: Il numero di errori può variare a seconda del contesto, come la pressione del tempo o il tipo di testo.

9. Variabilità individuale: Non esistono due casi di disortografia identici; ogni individuo può presentare un diverso insieme di sfide e punti di forza.

10. Innovazione continua: La ricerca e l’innovazione tecnologica stanno costantemente migliorando le risorse e le strategie disponibili per supportare chi soffre di disortografia.