Cerca
Close this search box.
Logo TC
Cerca
Close this search box.

Antonio Milanese

Quanto conta la genetica a scuola?

TrainingCognitivo - Quanto conta la genetica a scuola

Quante volte ci siamo sentiti scoraggiati di fronte a un argomento che sembra non voler entrare nella nostra testa? Spesso, di fronte alle difficoltà nello studio, ci convinciamo di non essere “portati” per certe materie. Ma quanto di questo è vero e quanto, invece, è frutto di un pregiudizio personale? Recenti studi nel campo della neuropsicologia suggeriscono che la risposta potrebbe essere più complessa di quanto pensiamo.

Genetica e ambiente

Uno studio condotto dal King’s College di Londra[1] ha esplorato come la genetica e l’ambiente influenzino le abilità di lettura e matematica. Esaminando 1550 coppie di gemelli di 12 anni, i ricercatori hanno scoperto che circa il 50% delle abilità in queste materie può essere attribuito a fattori genetici. Questo significa che, per metà, la nostra capacità di leggere e fare calcoli è scritta nel nostro DNA.

Ma non è tutto. Gli studiosi hanno trovato che le abilità di lettura e matematica sono strettamente correlate tra loro. Questo suggerisce l’esistenza di un possibile fattore comune che potrebbe influenzare entrambe le capacità. Questo legame apre nuove prospettive su come comprendiamo e affrontiamo le difficoltà di apprendimento.

Come cambia lo studio delle difficoltà di apprendimento

Questi risultati potrebbero rivoluzionare il nostro approccio alle difficoltà di apprendimento. Sapere che una buona parte delle nostre abilità dipende dalla genetica ci può aiutare a sviluppare metodi di insegnamento più personalizzati e adatti alle esigenze individuali. Tuttavia, il restante 50% dipende da fattori ambientali, come l’istruzione, le esperienze personali e il supporto familiare.

Questo significa che, nonostante la genetica giochi un ruolo significativo, l’ambiente in cui cresciamo e impariamo ha un’influenza altrettanto importante. Pertanto, un approccio equilibrato che consideri entrambi gli aspetti può essere la chiave per superare le difficoltà scolastiche.

Conclusioni

In sintesi, non dobbiamo arrenderci facilmente di fronte alle difficoltà nello studio. Mentre alcune persone possono essere naturalmente più inclini a eccellere in certe materie, non tutto è già deciso. La ricerca del King’s College ci ricorda che le nostre abilità sono il risultato di un complesso intreccio tra genetica e ambiente.

Le scoperte su come questi fattori influenzano l’apprendimento di lettura e matematica ci offrono nuove speranze e strategie per affrontare le difficoltà di apprendimento. Tuttavia, è necessaria ulteriore ricerca per comprendere appieno questi meccanismi e trovare soluzioni efficaci.

Non dimentichiamo mai che l’educazione è un viaggio continuo e che, con il giusto supporto e determinazione, possiamo migliorare le nostre competenze e superare qualsiasi ostacolo.

Bibliografia

L'autore

I nostri corsi asincroni sui Disturbi Specifici dell'Apprendimento

[Corso asincrono] Discalculia: compensare e potenziare le abilità matematiche.

Il corso è incentrato su un aspetto solo raramente affrontato nei vari corsi di formazione (corsi di laurea, master, corsi di alta formazione…) sui disturbi specifici dell’apprendimento: il trattamento della discalculia. 

[Corso asincrono] Disortografia: il potenziamento della scrittura. Strumenti pratici.

Il corso è progettato per fornire ai professionisti gli strumenti necessari per migliorare la scrittura nei bambini. 

[Corso asincrono] Dislessia: il potenziamento della lettura. Strumenti pratici.

Il corso è progettato per fornire informazioni e strumenti per i professionisti per potenziare la lettura, in particolare nei bambini e ragazzi con fragilità in questo ambito.